Cos’è il SEO?

Il SEO (search engine optimizer, ottimizzatore per i motori di ricerca) è l’attività che consente un facile reperimento del sito da parte degli utenti che cercano sui motori.
Affinchè sia facilmente rintracciabile, la struttura del sito (i link, le immagini, gli url…) deve essere ottimizzata al meglio.
L’ottimizzazione di un sito è funzionale al suo posizionamento nelle pagine di risposta dei motori, che a sua volta è funzionale alla visibilità dei prodotti/servizi venduti.

Descrizioni

Particolare cura e attenzione devo essere rivolte alla composizione dei testi da inserire all’interno dei vostro sito.
I contenuti copiati sono particolarmente odiati dai motori di ricerca: se utilizzate testi copiati google riterrà il vostro sito non adatto ad un buon posizionamento o addirittura dannoso.
Cercate di inserire parole chiave, con le quali pensate di essere, trovati all’interno dei primi paragrafi.

Come ottimizzare al meglio per Google

Una decina di anni fa Google ha introdotto il “PageRank”, un algoritmo di valutazione dell’importanza di una pagina web basato su concetti matematici.
Negli anni successivi ha preso sempre più valore la tesi per la quale “una rete è tanto più utile quanto più elevato è il numero dei suoi utenti”.
Google indicizza una pagina basandosi sui suoi contenuti e sui link che puntano ad essa, valutandone la qualità.
Per far si che il vostro sito sia ottimizzato al meglio per Google è necessario che possa essere SEO friendly, ovvero che possa essere riconosciuto come sito o blog facilitato per quanto riguarda la lettura dei bot dei motori di ricerca. Ciò avviene prestando particolare cura a molti degli elementi che si trovano in ogni pagina di un sito web, e di ogni documento caricato sul web.

Ottimizzazione delle immagini

Per fare in modo che anche le immagini siano indicizzate e ricercabili dai motori di ricerca, contribuendo alla visibilità della pagina in cui sono inserite, l’immagine deve avere una url che descrive il contenuto dell’immagine stessa e ci deve essere un ALT TAG di descrizione (quello che appare come descrittivo dell’immagine).

Meta description.

Il meta description è una breve descrizione della pagina che non viene mostrata all’utente (presente nel codice HTML della pagina).
Una buona descrizione è lunga all’incirca 160 caratteri, è univoca all’interno del sito e contiene le parole chiave che un ipotetico visitatore interessato può digitare nel motore di ricerca.
Se il vostro sito è disponibile in più lingue, dovrete personalizzare questa descrizione per ogni lingua.

Meta Keywords.

Le meta keyword sono parole chiave che identificano il vostro sito sui motori di ricerca. Sono parole semplici o composte, separate da virgola, attinenti al contenuto della vostra pagina web. Si consiglia di inserirne non più di una decina.

Attenzione!

I motori di ricerca odierni, Google in particolare, dichiarano di non dare più alcuna rilevanza alla meta descrizione e alle meta keywords. Ciononostante, è ancora buona prassi andare ad inserire queste informazioni, che sono comunque ancora considerate un indice di qualità del vostro sito.
Non lasciatevi inoltre tentare dall’inserire parole senza senso (ad esempio “porno gratis” e simili) nei meta dati in quanto un motore di ricerca lo interpreterebbe come un tentativo di fare i furbetti, penalizzando il sito.

Friendly URL.

Le parole inserite all’interno dell’indirizzo della pagina, sono considerate parole chiave. Cercate di personalizzare al meglio il vostro URL.

Collegamenti esterni

Avere siti esterni di qualità che ospitano collegamenti al proprio sito è sicuramente un fattore discriminante per una buona indicizzazione e un buon posizionamento.
Come siti di qualità intendiamo blog sull’argomento, associazioni, partner commerciali, anche amici. Sono invece da evitare siti quali directory di link e in generale siti di spam che ospitano solo collegamenti senza contenuti di qualità. Questi abbasseranno la reputazione del sito e lo faranno penalizzare dai motori di ricerca. Fate attenzione, perché qualcuno, ad esempio un vostro concorrente, potrebbe fare una cosa del genere con l’intento di penalizzarvi. Google mette a disposizione uno strumento (chiamato “disawow”) che permette, in un certo senso di “disconoscere” siti del genere che linkano in questo modo, impedendo che vi danneggino.

In questa breve rassegna abbiamo visto solo alcuni degli strumenti per migliorare il posizionamento del vostro sito. Naturalmente ce ne sono altri e ci sono professionisti specializzati solo in attività di SEO. Siamo sicuri che applicando queste semplici consigli otterrete già un valido aiuto.
Ricordatevi, prima e dopo qualsiasi attività di miglioramento del vostro sito, di tenerne d’occhio le statistiche per verificare di persona gli effetti.